1. agadir inter nos quintet 7:25
  2. voci d'Africa inter nos 3:01

Inter Nos QuintetFabrizio Desideri (sax e clarinetto) Marco Bartalini (tromba)Piero Gaddi (pianoforte e tastiere) Nino Pellegrini (contrabbasso)Gian Paolo Pellicci (batteria e percussioni)

Inter Nos Quintet

Tra jazz e cantabilità mediterranea
La nostra musica ha le radici nella cultura dell’improvvisazione

neroamericana ma si ispira anche alle culture popolari a noi vicine, quelle del bacino del Mediterraneo e quelle dell’America Latina, subendo forti contaminazioni. E’ un processo di assimilazione di culture musicali apparentemente lontane tra loro, nelle quali ci riconosciamo, che scopriamo fare parte di noi per la nostra formazione e storia personali. Anche la musica colta non manca di infuenzare il nostro percorso nel quale la composizione è importante quanto l’improvvisazione, per questo il Quinteto suona esclusivamente brani originali.

Figure sullo sfondo

…la nostra storia
I membri del gruppo hanno suonato e registrato individualmente in giro per l’Europa e con alcuni dei migliori jazzisti italiani e stranieri (Paolo Fresu, Lee Konit, Enrico Rava, Stefano Bollani, Pietro Tonolo, Marco Tamburini, Paolino Dalla Porta, Stefano Bataglia, Gianluigi Trovesi, Mauro Grossi, Paul McCandless, Bruno Tommaso, Tom Harrell…).
Il gruppo nasce nel 1998 come quarteto. Suona ad Anfteatro Jazz e nella rassegna Jazzausér, chiude a Borgo a M.no la mostra fotografca dedicata a Chet Baker, suona al Teatro Comunale di Pisa e al Teatro Del Sale di Firenze. Numerose volte è presente nel cartellone in importanti festival jazz (Toscana Jazz, Barga Jazz, Dean Benedeti festival).
L’ Inter Nos Quartet registra il suo primo lavoro nel 2004, “Por Rufna Amaya” registrato durante l’International Academy of Music.
In quinteto con l’aggiunta di Bartalini, registra “Figure sullo sfondo” per la Vinile Records nel 2011.

0