X
top

EJA

EJA 
Electronic Jazz Activity

EJA nasce dall’incontro di Piero Gaddi con Daniele Paoletti. I due musicisti hanno lavorato insieme nel C.R.I.G. animati dallo spirito di ricerca attraverso il ri-uso del materiale tradizionale e folklorico. EJA nasce dalla curiosità e dal piacere di esplorare sonorità inusuali attraverso l’elettronica. In EJA si delineano percorsi sonori dove talvolta sono i timbri a suscitare le libere forme dei brani. Altre volte, invece, le sonorità scelte sono al servizio di forme più rigide e strutturate. L’approccio ai suoni sintetizzati o campionati è pero quello di due musicisti che amano la musica “acustica” e che la praticano da sempre; questo risulta chiaro fn dai primi ascolti di questo progetto che va ascoltato da differenti prospettive. La scrittura si interfaccia con momenti di libera improvvisazione. Il ricorso all’elettronica, poi, non esclude affatto la cantabilità e la infessioni liriche che a tratti si ripropongono, come in passato, nella scrittura di Gaddi.
EJA nasce come progetto aperto alle collaborazioni più varie : Mauro Avanzini è uno dei musicisti invitati a farne parte. La sua grande esperienza e creatività sul piano dell’improvvisazione è un valore aggiunto che amplifca gli intrecci sonori e l’interplay. EJA ha realizzato le musiche di scena per lo spettacolo “Folle d’amore” ideato da Erik Franchi e messo in scena dalla compagnia “La via lattea” con la partecipazione di Alessandro Bertolucci.